FRANK PARADISI



FRANK PARADISI www.frankparadisi.com
frankparadisi@yahoo.it
349 2650876

Francesco Paradisi, nato a Livorno nel 1977, da sempre appassionato di arte e disegno, durante gli studi superiori presso l’Istituto Tecnico per Geometri Buontalenti, nel 1993 comincia il suo percorso artistico a “bottega” dal Maestro Marc Sardelli, pittore ufficiale della Marina Militare Italiana, dal quale apprende varie tecniche specializzandosi, poi, in quella dell’acquarello.
Nel maggio 2008 è chiamato dal proprio maestro a collaborare all'esecuzione di un dipinto (3,5 x 2.5 mt) per la hall del ristrutturato Grand Hotel Palazzo di Livorno.
Da oltre 10 anni è richiesto a partecipare in qualità di segretario di giuria e revisore degli elaborati, sotto la presidenza del Maestro Sardelli, pittore di Marina, al concorso annuale del Tan "Il mare, le vele", in Accademia Navale.

FRANK PARADISI FRANK PARADISI FRANK PARADISI FRANK PARADISI

Nel 2009 inaugura la sua prima personale presso la Rocca del Cerruglio a Montecarlo di Lucca nella quale ha presentato 32 quadri, in tecnica ad acquarello, rappresentanti vedute sia livornesi che toscane.
Nell’aprile 2010 ha partecipato alla prima edizione del Premio Combat di Livorno (Premio d’arte Contemporanea italiana)
Nel giugno 2010 è stato invitato a partecipare alla mostra collettiva” Arte al Castello- Dono per la vita”, promosso dall’Associazione culturale “Il giardino di Bidi” in collaborazione con la Lega Italiana Fibrosi Cistica, presso la Rocca del Cerruglio a Montecarlo di Lucca.
Nel luglio 2010 è stato in mostra alla Sala della Cultura di Marina, a Marina di Castagneto Carducci.
Nel settembre dello stesso anno ha esposto alla Torre Medicea di Castiglioncello.
Nell’ottobre 2011 è in mostra al centro civico all’ interno di Bolgheri.
L’ ultima mostra risale al settembre 2012 alla sala “Telemaco Signorini “di Portoferraio all’isola d’ Elba. Attualmente sta lavorando alla realizzazione di un evento al castello di Nervi di Genova per l’estate 2013.


 
© 2017 Associazione Culturale Arte a Livorno... e oltre confine