SUSI NORFINI



SUSI NORFINI Susi Norfini è nata a Livorno nel 1967.

Artista autodidatta, ha frequentato aggiornandosi sulle tecniche, in una continua ricerca di evoluzione personale, la Libera Accademia Trossi Uberti di Livorno dove nel 2010 ha conseguito il premio di fine anno, sotto la guida del pittore Franco Bonsignori e il Laboratorio di ceramica “Labroarte” di Petrucci Maurizio.

Appassionata di disegno fin dall’infanzia, ha sperimentato varie tecniche decorative: pittura su ceramica, vetro, carboncino, gessetto, pastelli di cera, matita. La pittura ad olio e ad acrilico attualmente sono l’espressione principale dei suoi lavori, oltre alla scultura in argilla e alle ceramiche.

Predilige le gare di pittura estemporanea, a cui partecipa in giro per i borghi e le città della Toscana, e durante una di queste gare ha ottenuto il Premio F.I.D.A.P.A. Nazionale 2009 e il conseguente Premio della Critica e altri premi.

Aderisce a mostre collettive e al movimento artistico della Mail-Art .

Insegna ceramica , scultura , modellato e decorazione nella città di Buggiano.. iscritta a:NabilaFluxus ®

E' stata recensita sul Corriere di Livorno, Pianeta Donna 2010, Arte a Livorno e oltre confine, l'Elite New, Euroarte e in siti internet (abacena.it dodo arte, premio combat 2010) e in altre publicazioni.

“Le opere di Susi Norfini evidenziano una vitalità espressiva che è sinonimo di creatività, di feconde ispirazioni, e che si palesa, con forme e modalità diverse, sia nella pittura, sia nella scultura. In questi due ambiti l'artista livornese si cimenta tesaurizzando le esperienze compiute nel tempo con svariate tecniche e materiali. Nei dipinti tende ad essenzializzare le immagini, talora rendendo tattili certi particolari con materici interventi , simboleggiando nelle forme e nei colori sensazioni ed emozioni che rimandano a problematiche d'attualità o a momenti del vissuto soggettivo evocati con lirico afflato. ” Vito Cracas”
SUSI NORFINI SUSI NORFINI SUSI NORFINI SUSI NORFINI

 
© 2018 Associazione Culturale Arte a Livorno... e oltre confine