NEWS / EVENTI



AREA POP alla Guastalla

pubblicata mercoledì 27 novembre 2013
AREA POP alla Guastalla La Guastalla Centro Arte in via Roma 45 a Livorno , ha il piacere di presentare da sabato 30 novembre ( inaugurazione ore 18.00) al 31 gennaio 2014, la mostra "AREA POP".
ORARI: lunedì/venerdì 10,00 – 13,00 / 16,30 – 20,00 sabato10,00 – 13,00. Mese di dicembre aperto anche sabato 16,30-19,30
CATALOGO: disponibile in galleria e on line sul sito www.guastallacentroarte.com

Con questa esposizione desideriamo mettere in evidenza e a confronto alcuni aspetti che hanno caratterizzato il fenomeno della Pop Art, in Italia e non solo, quali il tema dell’oggetto, della narrazione e della citazione, attraverso le esperienze personali di artisti il cui linguaggio è riferibile alla cultura pop. La Pop Art è il principale fenomeno culturale che ha attraversato gli anni ‘60 e influenzato non solo l’arte figurativa ma vari aspetti della cultura e del gusto, prendendo spunto dal boom economico e da quella che si stava affermando in quegli anni come società dei consumi. Gli artisti si aprono al mondo del quotidiano e da questo ritrovano il desiderio di confrontarsi con la realtà e la cultura popolare, che creava inevitabilmente nuove forme espressive nutrendosi di oggetti di consumo e di miti socialmente riconosciuti. Da qui nasce l’attenzione verso i nuovi linguaggi popolari come il fumetto, la pubblicità, il cinema, il
design che entrando nelle case di milioni di persone popolano l’immaginazione collettiva e danno vita ad
una nuova cultura di massa.
Alcuni di questi artisti hanno utilizzato immagini celebri di oggetti di consumo o di simboli, riflettendo così sul ruolo che alcune di esse assumono, in modo tale da trasformarle in vere e proprie icone del mondo moderno: in tal senso esemplare è il lavoro di Mario Schifano, che attinge dal mondo della pubblicità e dei media per creare impressioni di forte impatto visivo. Tano Festa invece, presente in mostra con l’opera “Da Michelangelo”, compie un’azione analoga ispirandosi però alla tradizione artistica italiana del passato e alle sue più celebri effigie. Franco Angeli, da parte sua, ad esempio nella celebre serie degli Half dollar, estrapola dall’iconografia occidentale quei simboli del potere economico e politico che in realtà intende criticare.
Altri artisti hanno invece focalizzato la loro attenzione sull’oggetto e sul significato simbolico che esso assume una volta estrapolato dal mondo quotidiano ed inserito all’interno di un contesto artistico: Enrico Baj utilizza bottoni, passamanerie, lustrini, pezzi di giocattoli di bambini, e ancora medaglie, stemmi e oggetti provenienti dal mondo militare, per esprimere una critica alla società realizzata sempre con una sottile ironia tipica della tradizione dadaista. Anche l’artista inglese Joe Tilson, uno dei pionieri della Pop Art, crea dei mosaici in legno nei quali, tramite una tecnica tipica del mondo del bricolage, del fai-da-te e della falegnameria, si appropria di elementi e simboli di varie culture, fra cui quella degli indiani d’America, degli aborigeni australiani, e della tradizione greca. È invece l’uso di un materiale “nuovo”, industriale e innovativo per il mondo dell’arte, quale il poliuretano espanso a contraddistinguere Piero Gilardi, che tende a rappresentare in questa forma nuova non tanto il mondo dei consumi quanto una natura idealizzata e perfetta. Il gioco, la fiaba, il puzzle sono elementi fondanti dell’opera di Ugo Nespolo; anche in Emilio Tadini questi aspetti sono presenti e vengono espressi tramite un linguaggio che rimanda alle illustrazioni delle favole. Sempre il racconto, il fumetto e l’ironia fanno da sfondo ad una critica dei meccanismi del mondo dell’arte, ad omaggi all’arte del passato o a riflessioni sulla società ipertecnologica di oggi in Mark Kostabi, artista americano il cui lavoro è una tra le testimonianze di come la Pop Art sia un linguaggio ancora vivo e in continua trasformazione e di come non abbia mai smesso di essere apprezzata da artisti e pubblico.
 



Altre news / eventi


Maria Lassnig WOMAN POWER Maria Lassnig WOMAN POWER pubblicata giovedì 23 marzo 2017 Curata da Wolfang Drechsler, la mostra presenta le opere di Maria Lassnig (1919–2014), tra le artiste più significative della seconda metà del XX secolo, precorritrice dell’universo femminista nell’ambito delle arti figurative. Le opere esposte [...]
>>>


 
BRUNO SECCHI - Ritmi espansi BRUNO SECCHI - Ritmi espansi pubblicata giovedì 9 marzo 2017 Galleria d’Arte Athena
Livorno - Via di Franco 17/19 (angolo Via Cairoli)
Tel. e Fax 0586 897096
ha il piacere di presentare

Bruno Secchi
Ritmi espansi

11-25 marzo 2017
inaugurazione sabato 11 marzo [...]
>>>


 
Concorso: giovani artisti per un murale Concorso: giovani artisti per un murale pubblicata martedì 7 marzo 2017 C'è ancora una settimana di tempo per iscriversi gratuitamente al concorso “Livorno a fuoco. Giovani artisti per un murale” lanciato dal Rotary Club Livorno e dalla Fondazione d’Arte Trossi-Uberti con la collaborazione del Comune di Livorno.
Rivolto [...]
>>>


 
"Mondi possibili" di Riccardo Ruberti pubblicata lunedì 6 marzo 2017 Sabato 11 Marzo 2017, alle ore 17.30 nei prestigiosi spazi della Biblioteca Labronica F.D. Guerrazzi di Livorno sarà inaugurata "Mondi possibili", personale dell'artista Riccardo Ruberti.
La mostra, curata da Nicola Micieli è patrocinata [...]
>>>


 
MARTIN  BRADLEY   opere 1955/1996      MARTIN BRADLEY opere 1955/1996 pubblicata sabato 4 marzo 2017 Mostra n. 391

Inaugurazione: Sabato 11 Marzo 2017 ore 18,00

Periodo: dal 11 Marzo al 7 Aprile 2017

Sede mostra: Galleria Peccolo, piazza Repubblica 12 [...]
>>>


 
Al via la Collettiva Ro-Art Al via la Collettiva Ro-Art pubblicata sabato 4 marzo 2017 Inaugurazione sabato 4 marzo (ore 17)

Bottega del Caffè

In collaborazione con il Comune di Livorno, sabato 4 marzo (ore 17) si svolgerà l'inaugurazione della Collettiva Ro-Art alla Bottega del Caffè (viale Caprera) una mostra [...]
>>>




Altre news / eventi »»


 
© 2017 Associazione Culturale Arte a Livorno... e oltre confine