NEWS / EVENTI



Giovanni Campus in mostra a Livorno

pubblicata mercoledì 13 maggio 2015
Giovanni Campus in mostra a Livorno Dal 15 maggio al 14 giugno ai Granai di Villa Mimbelli

Giovanni Campus
In mostra 40 opere. L’esposizione ad ingresso gratuito è visitabile il venerdì, sabato e domenica
Giovedì 14 maggio alle ore 17 l’inaugurazione

Dopo otto anni torna ad esporre ai Granai di Villa Mimbelli ( via San Jacopo in Acquaviva), Giovanni Campus, una delle figure più singolari e autonome dell’arte italiana. L’artista esporrà dal 15 maggio al 14 giugno in una personale che ripercorre a grandi linee la sua attività pluridecennale. In mostra 40 opere (opere su tela e due installazioni) , in prevalenza di proprietà dell’artista, ma alcune anche appartenenti alla collezione civica del Comune di Livorno, acquisite durante gli anni di attività del Museo Progressivo di Arte Contemporanea.
La mostra “Giovanni Campus”, ad ingresso gratuito, sarà visitabile nei giorni di venerdì, sabato e domenica nel consueto orario del museo di Villa Mimbelli: 10-13 e 16-19.
L’inaugurazione giovedì 14 maggio alle ore 17.

Alla domanda posta all’artista su quale potrebbe essere il titolo dell’esposizione, Campus risponde: “Tempo in processo. La realtà che attraversiamo”. Le opere in mostra, che vanno lette come in un percorso unico, attraverso la loro composizione figurale concorrono infatti ad un “unicum” percettivo temporale finalizzato all’interrogazione esistenziale sul nostro tempo.
L’arte contemporanea di Campus, in continua ricerca sulla cultura del momento, si colloca pertanto all’interno del progetto del Museo Fattori di Villa Mimbelli : “Fattori contemporaneo”, teso a fare del museo, non tanto un luogo di conservazione delle opere ma un luogo dinamico aperto a nuovi linguaggi legati alla contemporaneità.

Giovanni Campus nasce ad Olbia nel 1929. Dopo aver compiuto gli studi classici a Genova si trasferisce a Livorno dove frequenta la scuola Trossi Uberti allora diretta dall’incisore Carlo Guarnieri. Nel 1968 lascia il lavoro per dedicarsi interamente all’attività artistica e si trasferisce a Milano. Inizia una lunga serie di esposizioni tra la fine degli anni Sessanta egli anni Novanta sia in Italia che all’estero (Parigi, Londra, Vienna, Madrid, New York, Caracas, New Delhi). Nel 1977 nella piazzetta di Palazzo Reale a Milano realizza una ”installazione continua" a dimensione ambientale: una serie di percorsi di tratti di molle metalliche sospese in tensione coinvolgenti la spazialità urbana. Partecipa con "gli ambienti segnici interrelazionali" sonori e luminosi alla Galleria d'Arte Moderna di Bologna nel 1978 ed al Museo Progressivo d'Arte Contemporanea di Livorno nel 1979. Consequenziali le installazioni sulle coste della Gallura nel 1983 con estensioni di tratti di corda tesi in proiezione lineare sull'area naturale prescelta. Da questa processualità condotta in parallelo tra proiezione rappresentativa ed espressività strutturale, cioè tra idea ed oggetto, sono scaturite quelle serie di opere disposte orizzontalmente sul piano in pieni-vuoti articolati. Dapprima superfici irregolari in cemento e, successivamente, opere in acrilico su tela-legno sagomato con estensioni in ferro. Nel suo lavoro ha sempre analizzato le relazioni tra la forma e lo spazio, tra interno ed esterno, tra pieno e vuoto, definendo il suo lavoro una continua ricerca sul tempo. La spazialità è per lui insita nella temporalità.
È il divenire dell'immagine che si colloca. Non è la forma che si colloca nello spazio bensì la spazialità interna alla forma che si pone come spazio-luogo autonomo e relazionato. L’artista, che lavora ancora intensamente, ha mantenuto nel tempo il medesimo rigore formale e la
coerenza poetica pur variando l’utilizzo dei materiali.
Le sue opere non vogliono dare un’immagine definita della realtà ma coglierne il divenire, i nessi di forze, l’interazione dei valori spaziali e temporali. Un'indagine continua sulle ragioni dell'esistenza e una riflessione su se stesso, sul proprio agire artistico, nel tentativo vano e consapevole di darsi delle risposte definitive.

 

  Invito Campus_05 2.jpg




Altre news / eventi


“Gli Ebrei in Toscana” “Gli Ebrei in Toscana” pubblicata lunedì 27 marzo 2017 Gli Ebrei in Toscana. XX e XXI secolo



Martedì 28 marzo – ore 12

I Granai di Villa Mimbelli (via San Jacopo in Acquaviva) – Sala Martini


Dal 30 marzo al 1° maggio i Granai di Villa Mimbelli (via San [...]
>>>


 
Vico Vitri Arte 2017 Vico Vitri Arte 2017" XVI^ edizione pubblicata sabato 25 marzo 2017 Secondo appuntamento nella manifestazione "Vico Vitri Arte 2017" XVI^ edizione, pensando di fare cosa gradita allego locandina-invito di questa interessante mostra fotografica "Choukran: luci e ombre del Maghreb" a cura di Lucia Flosi - Torre [...]
>>>


 
Dialogo Aperto “ Silenzi e assonanze: Dialogo Aperto “ Silenzi e assonanze: pubblicata sabato 25 marzo 2017 Ottone Rosai e il ‘900 in Toscana
Quindici opere di Ottone Rosai prove- nienti da un’importante collezione fiorentina sono la base del nostro Dialogo Aperto, arrivato alla sua quinta edizione.
Ѐ un viaggio attraverso il [...]
>>>


 
Maria Lassnig WOMAN POWER Maria Lassnig WOMAN POWER pubblicata giovedì 23 marzo 2017 Curata da Wolfang Drechsler, la mostra presenta le opere di Maria Lassnig (1919–2014), tra le artiste più significative della seconda metà del XX secolo, precorritrice dell’universo femminista nell’ambito delle arti figurative. Le opere esposte [...]
>>>


 
BRUNO SECCHI - Ritmi espansi BRUNO SECCHI - Ritmi espansi pubblicata giovedì 9 marzo 2017 Galleria d’Arte Athena
Livorno - Via di Franco 17/19 (angolo Via Cairoli)
Tel. e Fax 0586 897096
ha il piacere di presentare

Bruno Secchi
Ritmi espansi

11-25 marzo 2017
inaugurazione sabato 11 marzo [...]
>>>




Altre news / eventi »»


 
© 2017 Associazione Culturale Arte a Livorno... e oltre confine